giovedì 9 luglio 2020

Estate voglia di bicicletta: il giro del mondo con Annie Cohen "Londonderry" Kopchovsky.



Siamo in piena estate, solitamente vi racconto di viaggi, a volte anche di libri, da leggere in vacanza, e poi vi parlo di donne, non perché ho la fissa sulle donne, semplicemente perché c’è molto di quello che sulle donne non viene detto. 

Così è per Annie Cohen. Nata in Lettonia nel 1870 da Levi e Beatrice Cohen che nel 1875 emigrarono negli Stati Uniti, stabilendosi a Boston, in  Massachusetts. Rimasta orfana dei genitori a 17 anni, insieme al fratello Bennett, di pochi anni più grande di lei, dovette prendersi cura dei fratellini Jacob, che morì a soli 17 anni, e Rosa. A 18 anni sposò Simon "Max" Kopchovsky, un venditore ambulante, continuando, insieme ai fratelli, a vivere nella casa di famiglia diventando ben presto mamma di tre bambini:  Mollie, Libbie e Simon.


Vi starete chiedendo il perché di questa breve biografia di Annie Cohen in  Kopchovsky, presto detto: ci tenevo a mostrarvi la normalità che questa ragazza, come tante, ha dovuto affrontare nella sua ordinaria quotidianità, compresi i dispiaceri e le difficoltà, come tante.

È importante anche ricordare gli anni in cui Annie è vissuta, siamo in pieno fermento per la richiesta di uno stato di pari diritti per le donne statunitensi, battaglie per il diritto al voto (negato), l’accesso all’istruzione (negata), la libertà di espressione (negata), alla proprietà dei salari e del patrimonio che appartenevano al marito, in sostanza duri scontri e proteste per la parità tra i due sessi.

Tenete anche a mente che Annie non era certo mastodontica, al contrario aveva una corporatura minuta, alta  1 metro e 60, pesava 45 kg e a 22 anni aveva già messo al mondo  tre figli.


Non da ultimo vi rammento una nota di costume, sono tutti particolari importanti per cogliere una vicenda che ha dell’incredibile, cercate sempre di ricordare che siamo nell’ultimo decennio dell’800  e che la donna tra le altre privazioni, faceva pure fatica a respirare. Gli anni 80 dell’800 sono stati considerati i più dannosi per la salute della donna, costretta dai dettami della moda ad indossare un busto strettissimo e deformante che assottigliasse la vita (in tutti i sensi), maniche gonfie e larghe, gonnelloni fino a terra e il collo fasciato da un ampio colletto.

Bene, spero di avervi inquadrato la situazione perché scoprirete che nonostante tutto, le avversità, le disparità,  gli impacci,  Annie da sola ci porterà in viaggio, e che viaggio, ci farà venire voglia di leggere la sua eccezionale avventura e soprattutto voglia di estate e bicicletta.

Signore e signori in sella, anzi in sellino… Si parte.

Il 25 giugno del 1894 nella città di Boston sulle scalinate del Massachusetts State House una folla di circa cinquecento persone si era radunata per vedere proprio Annie Cohen Kopchovsky , una giovane di 24 anni, in procinto di compiere un’impresa impensabile per una donna: Un viaggio intorno al mondo in bicicletta.


Vestita con una lunga gonna nera, corsetto e giacca blu, camicia bianca e un colletto alto con la cravatta a farfalla come si conveniva alle donne dell’epoca, portava con sé un cambio di vestiti, una pistola con il manico di madreperla, sue foto autografate e le mappe dei percorsi ciclabili pubblicati da L.A.W., che riportavano distanze, condizioni stradali, punti di riferimento, luoghi per mangiare e hotel che offrivano sconti per i ciclisti.

Indescrivibile l’emozione delle donne presenti quel giorno, un grande palco per salutare questa giovane pioniera che avrebbe scritto una nuova pagina di storia per tutte le donne che, paladina Annie, debbono avere le stesse opportunità degli uomini.

Stesse opportunità e nessuna privilegio, la sfida infatti era quella di partire senza denaro e fare ritorno a Boston dopo quindici mesi con 5mila dollari guadagnati, non poteva accettare nessun compenso gratuitamente, poteva solo vendere le sue foto celebrative dell’impresa, accettare sponsorizzazioni, pubblicità e lavorare.

Proprio le sponsorizzazioni le procurarono i primi 100 dollari per partire, a offrirli la Londonderry Lithia Spring Water Company, una compagnia di acque minerali, per affiggere il cartello Londonderry sulla sua bici da donna, una Columbia del peso di 19 kg. Annie Cohen Kopchovsky accettò di buon grado di viaggiare con il nome di Annie "Londonderry", lei un'ebrea lettone sarebbe stata facilmente identificabile con il suo cognome in un paese in cui l'antisemitismo era molto diffuso; una donna, sola, giovane, minuta, avrebbe dovuto aggiungere, essendo ebrea, altre difficoltà a quelle già esistenti, un viaggio per il mondo pieno di incognite, pregiudizi, disagi, insidie, intemperie e avversità.

Annie Londonderry, madre e moglie aveva deciso che “non volevo trascorrere tutta la vita a casa con un nuovo bambino sotto il grembiule ogni anno”, con un misero bagaglio personale, ma con un gigantesco bagaglio di aspettative e speranze da parte di tutte le donne che combattevano per l’uguaglianza e la parità dei diritti, partì verso Chicago.


E mentre assaporava questa nuova libertà in sella alla sua bicicletta in discesa libera o lungo la Boston Post Road, l’ingombrante gonna s’impigliò nei raggi della bicicletta procurandole una brutta caduta, questo non le impedì di raggiungere ugualmente New York, qui cercò vestiti più adatti al suo viaggio, si liberò del corsetto e la gonna verrà sostituita dai pantaloni a sbuffo, una rivoluzione per una donna di fine ‘800, ma soprattutto per non abbandonare il viaggio sostituì la pesante e scomoda Columbia con una bici più adatta, una Sterling Roadster da uomo più veloce e leggera.


Il 24 novembre 1894 a New York City salutò gli Stati Uniti e s’imbarcò sul transatlantico francese La Touraine con destinazione Le Havre sulla costa settentrionale della Francia.

L’avventura della nuova Miss Londonderry, per ovvie ragioni non rivelò di essere sposata e anche madre, si può dire davvero cominciata. Con l’impegno di parlare solo la lingua inglese, di registrarsi in punti specifici e procurarsi delle ricevute per provare il raggiungimento delle tappe, lavorando come cameriera o commessa, accettando varie sponsorizzazioni, attraversando strade disastrate, affrontando il caldo e il freddo, dormendo all’aperto (anche in un cimitero), affrontando per ben due volte il carcere, un colpo di fucile che la ferì al braccio,  la nostra eroina percorrerà quasi 16.000 km in bicicletta,  attraversando, considerando anche le traversate via mare, 41.841 km.


Al di là delle difficoltà pratiche, dei pregiudizi, delle offese, delle risate, Annie “Londonderry” Kopchovsky  tenne conferenze durante le sue tappe, incantò con i suoi racconti romanzati, incontrò artisti come Monet, viaggiò in compagnia di altri ciclisti che sostennero la sua singolare impresa, fu applaudita da ammiratori e gente comune, grazie ai giornali, che iniziarono a raccontare il viaggio di Annie “Londonderry” tra ammirazione e incredulità, diventò in poco tempo una personalità celebrata in tutto il mondo.


Giunta a Le Havre proseguì per Parigi, dopo la Francia, Egitto, Israele, Yemen, Sri Lanka, Singapore, Vietnam, Cina, Korea, Russia e Giappone, dove il 9 marzo 1895 salpò da Yokohama e raggiunse il Golden Gate a San Francisco il 23 marzo, giunta negli Stati Uniti, dopo aver attraversato California,  Arizona, New Mexico, Texas, Colorado, Nebraska, Iowa, Illinois e  Massachusetts,  il 24 settembre 1895 fece ritorno a casa, il giro del mondo in 15 mesi si era concluso con successo, anzi come titolarono i giornali:  


"Il viaggio più straordinario mai intrapreso da una donna".


Dopo la sua morte nel 1947, il viaggio straordinario di Annie Cohen  Kopchovsky “Londonderry”  cadde nel più assoluto silenzio, di questa “Donna Nuova”, come lei stessa si definì, “capace di fare quello che fanno gli uomini”, si perse la memoria.

È grazie al giornalista Peter Zheutlin, pronipote di Annie, che nel 2007 la sua storia venne ricostruita nel libro “Il giro del mondo in bicicletta. La straordinaria avventura di una donna alla conquista della libertà.”. 
Da leggere!


Una donna eccezionale che ha precorso i tempi, un’imprenditrice di successo e una grande narratrice, lo aveva dimostrato durante il suo viaggio in solitaria comprendendo pienamente il potere della pubblicità e delle sponsorizzazioni, una donna che ha cambiato i costumi femminili ed ha contribuito all’emancipazione delle donne.

Nel 2011, Evalyn Parry, produttrice e cantautrice canadese,  nel suo lavoro SPIN,  ha inserito un pezzo dedicato proprio all’impresa di Annie "La ballata di Annie Londonderry", portato in tournée in Canada e negli Stati Uniti.


Gillian Klempner Willman ha scritto, diretto e prodotto con la Spokeswoman Productions un film documentario di 26 minuti intitolato “The New Woman - Annie "Londonderry" Kopchovsky”,  vincendo nel febbraio del 2013 al DC Independent Film Festival  il premio per il miglior documentario.”

Overlooked, la sezione del New York Times che contiene necrologi postumi in onore di "persone straordinarie" le cui morti non sono state ricordate, ha pubblicato nel novembre del 2019 il necrologio di Annie "Londonderry" Kopchovsky.

Annie continua così il suo lungo viaggio…

E tu, tu “accetteresti una sfida, accetteresti una scommessa? Cosa indosseresti? Indosseresti dei bloomers? Usciresti di casa senza soldi? Ti importerebbe se la gente ti guardasse in modo strano?... Vorresti cambiare le cose, avresti il coraggio di cambiare le cose? Ti faresti deridere, scrollarti di dosso le risate, andresti in bicicletta attraverso un deserto senza una mappa? Andresti da sola?”

... Cercate di stare bene.







  • Fonti Wikipedia
  • Le immagini provengono dal Web a solo scopo illustrativo. Copyright dei rispettivi aventi diritto che ringrazio. 
  • The Ballad of Annie Londonderry (from SPIN, evalyn parry) dal canale YouTube Evalyn Parry


  • 21 commenti :

    1. Esistono donne e uomini che affrontano cose e situazioni incredibili.
      Non sono decisamente tra questi. ;)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Buongiorno Franco, è bello poter raccontare di persone che hanno cambiato il corso della vita degli altri, come in questo caso, possiamo ispirarci a loro anche nelle piccole cose. Non dobbiamo essere tutti uguali per fortuna :D
        Buon fine settimana.

        Elimina
    2. Cara Santa, certo che le donne ci sanno insegnare tanto!!!
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso 

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Verissimo, Tomaso.
        Donne che hanno cambiato la storia.
        Sereno fine settimana, un forte abbraccio anche a te.

        Elimina
    3. Cara Santa, è la storia di una donna fuori dal comune e l'ho letta con molto interesse. Immagine quante difficoltà avrà incontrato sul suo cammino , abbigliamento poi !!! Io non avrei mai il coraggio di mollare la mia famiglia per 15 mesi e di andare in giro da sola, senza soldi.... Onore a lei, che ha avuto il coraggio di farlo. Ciao

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Vale lo stesso per me, Mirtillo, occorre avere un carattere e una forza fuori dal comune. Se pensiamo poi che lo ha fatto in un periodo in cui le donne non viaggiavano di certo da sole e le comunicazioni erano limitate, davvero "onore a lei".
        Trovo però che faccia bene ricordarle e dare loro il merito delle imprese compiute, perchè in una posizione sicuramente di svantaggio. W queste donne!
        Un caro saluto e buon fine settimana.

        Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      RispondiElimina
    5. Una figura di donna davvero unica ed incredibile e che, ammetto, non conoscevo. Come sempre sai raccontarci storie di luoghi e persone da scoprire trascinandoci dentro a quelle realtà avvolgendoci con le tue parole e tutto questo lo fai con il tuo stile inconfondibile e che rende unici tutti i tuoi post

      Scusa per il commento cancellato.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie Daniele per queste parole, le tue, uniche.
        Sono stata davvero ispirata, non l'ho citato, per ovvi motivi, ma converrai che supera la fantasia di Verne. Oltretutto Mr Fogg viaggiava col maggiordomo :)
        Buona giornata.

        Elimina
    6. Pezzo bellissimo. la mia nonna paterna mi ha raccontato parecchie volte come la bicicletta fisse x lei uno strumento di libertà, di movimento oltre che x andare al lavoro. E anche di libertà sessuale perché pedalare in gonna durante il fascismo creava parecchio scompiglio. Anche x mia madre era cosi.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie a loro, Andrea, a donne come Annie, ma soprattutto come tua nonna o la tua mamma che oggi possiamo pedalare. Perché se abbiamo conquistato i pedali, non significa che abbiamo smesso di pedalare, anzi meglio non perdere il ritmo ;)
        Un abbraccio

        Elimina
    7. Molto interessante, la bici è da sempre sinonimo di libertà e lei l'ha saputa interpretare al meglio, come tu racconti ...

      RispondiElimina
      Risposte
      1. In questo caso, Alli, un atto "liberatorio" anche togliersi il busto :)
        E poi é sana, efficiente... è stata, ed è una risorsa per le fasce più povere. Viva la bici!
        Buon fine settimana in palude.

        Elimina
    8. Davvero una storia incredibile, bellissima.
      Che poi ci sono paesi del mondo in cui ancora oggi alle donne non è permesso prendere la patente. E altri in cui Barbara d'Urso conduce programmi televisivi.
      Vabbè, l'ultima era una cazzata... Però anch'io in passato ho scritto alcune storie di donne di scienza il cui contributo è stato prezioso. E che non è stato dato loro il giusto riconoscimento.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ahahahah sono i paradossi ;)
        Purtroppo, Marco, si conoscono poco soprattutto nei libri di testo, la scuola potrebbe fare tanto. Donne scienziate, artiste, intellettuali, sportive... Cerchiamo nel nostro piccolo spazio di divulgare e di dare loro i giusti meriti, aspettando mondi migliori...
        Un sereno fine settimana.

        Elimina
    9. Buongiorno Babbo Natale, grazie per aver visitato il mio blog, non parlo italiano e utilizzo un traduttore, approfittandone e ho iniziato a seguire il tuo blog. Sono un seguace di 79. Complimenti per il tuo lavoro. Vorrei avere il privilegio di seguirmi anche sul mio blog.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Obrigado Luiz Gomes, eu também uso um tradutor. Meu nome é Santa, infelizmente não sou Papai Noel :)
        Parabéns a você pelo trabalho de promover sua terra e pelas belas fotografias.

        Elimina
    10. Non conoscevo questo libro. Davvero una bella storia, particolare ed interessante, direi quasi unica . . . .
      grazie per essere passata a trovarmi. Buona nuova settimana e continuazione serena di estate

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Una donna determinata e un viaggio emozionante se consideriamo il periodo storico, così come il lungo viaggio delle donne ;)
        Mi spiace, Raffaella, di non essere più presente, anche se seguo mi è spesso difficile commentare, ma ci tenevo ad augurarti una buona estate.
        Grazie mille ed auguro anche a te cose meravigliose :*

        Elimina
    11. Ha ispirato molte persone di determinazione che aveva Annie Cohen.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Benvenuto Himawan Sant, si hai proprio ragione è stata d'ispirazione per molte donne, contribuendo ai grandi cambiamento del secolo successivo.
        Grazie del contributo e saluti dall'Italia.

        Elimina

    Torna su