domenica 21 dicembre 2014

I Poeti della domenica... Sibilla Aleramo e Dino Campana

«E sempre ho negli occhi... la terra che si mescolava ai nostri baci, quell’abbraccio profondo della luce.»

Un letto profondo, la notte di Natale, nel tuo paese dove non sono mai stata — dove soltanto da bimbo hai riso di gioia. Stanotte. T’aspetto per partire — son sola nel mondo, oh letto profondo
anche questo, se tu non venissi. Tu che tanta gioia devi avere — e ami il mio dolore, dolore d’aver già tanto guardato l’acqua fluire. Ma il tuo fiume, lo vedrò? Questo strazio, d’amarti, di volerti felice, e di non poter tramutarmi in una cosa di freschezza, rosa per la tua fronte, amore, amore. Non poter che consumarmi, sempre più. Non ho più voce per parlarti. Soltanto le mani sono ancora dolci. Stanotte, ti daranno il sonno? Nel tuo paese. E poi addormentarmi — e svegliarmi il mattino di Natale, bimba. C’è un bimbo, un fratellino vicino a Rina — oh Dino, Dino, che cosa si scioglie nel cuore di Rina? Silenzio, tienimi le mani. Nessuno m’ha detto mai, da bimba, una favola bella. Guardavo le stelle, come te. Stanotte non ci saranno. Ci saremo noi, favole, stelle, cose lontane, irraggiungibili. Nessuno mai più ci coglierà, anche se crederà vederci, sentirci. Stelle. Tienimi le mani, prendine tutta la dolcezza, toglimi tutto, sono tanto felice di morire, ma tu ma tu… Tremo, mi guardo intorno, non vieni ancora, l’acqua scorreva…
Sibilla Aleramo a Dino Campana (Archivio Aleramo, 24 dicembre 1916?)


Sibilla Aleramo (Alessandria, 14 agosto 1876 – Roma, 13 gennaio 1960)



Son tanto brava lungo il giorno.
Comprendo, accetto, non piango.
Quasi imparo ad aver orgoglio quasi fossi un uomo.
Ma, al primo brivido di viola in cielo
ogni diurno sostegno dispare.
Tu mi sospiri lontano; <Sera, sera dolce e mia!>
Sembrami d'aver fra le dita la stanchezza di tutta la terra.
Non son più che sguardo, sguardo sperduto, e vene.

Sibilla Aleramo (Momenti 1912-1920)


Chiudo il tuo libro,
snodo le mie trecce,
o cuor selvaggio,
musico cuore…
con la tua vita intera
sei nei miei canti
come un addio a me.
Smarrivamo gli occhi negli stessi cieli,
meravigliati e violenti con stesso ritmo andavamo,
liberi singhiozzando, senza mai vederci,
né mai saperci, con notturni occhi.
Or nei tuoi canti
la tua vita intera
è come un addio a me.
Cuor selvaggio,
musico cuore,
chiudo il tuo libro,
le mie trecce snodo.

Sibilla Aleramo a Dino Campana (Mugello, 25 luglio 1916)



Dino Campana  (Marradi20 agosto 1885 – Scandicci1º marzo 1932)


Rina mia
come descriverti lo sguardo idiota di questa gente dopo esser stati baciati dal tuo! Rina io potrei rinunciare a te, ma per sempre. Cosi bella come un rêve potrei dimenticarti solo per andare molto lontano e non tornare più. Davanti alle cose troppo grandi sento l’inutilità della vita. Il mare ieri era discretamente bello. Sono andato di notte al mare. Avevo visto i monti pisani velati da cui sorge la luna di D’annunzio senza foco di cui leggemmo e due aeroplani che volavano sul treno. Mia vergine perché leggemmo d’Annunzio prima di partire? Nessuno come lui sa invecchiare una donna o un paesaggio. Mio amore come vuoi che ti ami? Pallida, con una vita senza foco come col suo diritto il macchinista stinge il paesaggio e viola il ciclo che non conquista? Sciocchezze? Ma sai quanto ne ho sofferto!
Ecco quello che ci divide. Non ho visto e non vedrò nessuno. Non troppe cose dimmi. Pensa che per vivere l’assurdità del nostro amore hai bisogno di tutta la tua grazia. Quando sempre mai forse parole giravano nel soffitto del mio cervello. La città è una serie di cassoni balordi. Appiccicato alla spallina del passeggio guardo il mare senza parole come io sono senza pensiero.
Mio amore mio amore La Gorgona è un dosso lontano sul mare abbandonata laggiù nei tramonti. Tu ora mi conosci e potremmo abitare lontani se non mi abbandoni col pensiero. Una volta in Sardegna entrai in una casa con fuori una vecchia lanterna di ferro che illuminava la parete di granito. Fuori la via metteva sulla costa pietrosa che scendeva dall’altipiano al mare. Questo ricordo che non ricorda nulla è cosi forte in me! La costa bianca di macigni aveva bevuto il tramonto cupo e rosso che chiudeva l’isola e ora colla lanterna rugginosa solo le stelle sull’altipiano brillavano a me a Garcia. Io baciai la parete di granito senza pensare e non so ancora perché. Ricordo che in quella casa stava la sarda moglie dell’alcoolizzato amico dell’amico del nostro amico. Bevemmo il moscato bianco salmastro di Sardegna ed è idiota come mi ricordo di tutto questo. La mia padrona e dell’Isola del Giglio dove io farei certamente bene ad andare ad abitare per un anno almeno. Tu non ne vedi la possibilità?
Dovremmo ancora vedere le Alpi. Nietsche scendeva di là al mare colla sua sfida. Aimè Rina perché non mi lasci morire? Là l’edelweis non è d’Annunziano e la Dora scende in tumulto e il più leggero dei baci crea ancora forse come quando dicevo
         Come delle torri d’acciaio
         Nel cuore bruno della sera
         Il mio spirito ricrea
         Per un bacio taciturno.
Ah miseria di questi ritorni. Puoi amarmi? ancora? ancora? ancora? Non ti scriverò. Le mie lettere sono fatte per essere bruciate.
Dino Campana a Sibilla Aleramo (Livorno, 4 gennaio 1917)


In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose

P.S. E così dimenticammo le rose.

Dino Campana a Sibilla Aleramo, 1917


II. Il viaggio e il ritorno
Salivano voci e voci e canti di fanciulli e di lussuria per i ritorti vichi dentro dell’ombra ardente, al colle al colle. A l’ombra dei lampioni verdi le bianche colossali prostitute sognavano sogni vaghi nella luce bizzarra al vento. Il mare nel vento mesceva il suo sale che il vento mesceva e levava nell’odor lussurioso dei vichi, e la bianca notte mediterranea scherzava colle enormi forme delle femmine tra i tentativi bizzarri della fiamma di svellersi dal cavo dei lampioni. Esse guardavano la fiamma e cantavano canzoni di cuori in catene. Tutti i preludii erano taciuti oramai. La notte, la gioia più quieta della notte era calata. Le porte moresche si caricavano e si attorcevano di mostruosi portenti neri nel mentre sullo sfondo il cupo azzurro si insenava di stelle. Solitaria troneggiava ora la notte accesa in tutto il suo brulicame di stelle e di fiamme. Avanti come una mostruosa ferita profondava una via. Ai lati dell’angolo delle porte, bianche cariatidi di un cielo artificiale sognavano il viso poggiato alla palma. Ella aveva la pura linea imperiale del profilo e del collo vestita di splendore opalino. Con rapido gesto di giovinezza imperiale traeva la veste leggera sulle sue spalle alle mosse e la sua finestra scintillava in attesa finché dolcemente gli scuri si chiudessero su di una duplice ombra. Ed il mio cuore era affamato di sogno, per lei, per l’evanescente come l’amore evanescente, la donatrice d’amore dei porti, la cariatide dei cieli di ventura. Sui suoi divini ginocchi, sulla sua forma pallida come un sogno uscito dagli innumerevoli sogni dell’ombra, tra le innumerevoli luci fallaci, l’antica amica, l’eterna Chimera teneva fra le mani rosse il mio antico cuore.

Dino Campana (da Canti Orfici, La Notte – 1914)




I Canti Orfici di Dino Campana dalla voce amata e odiata del discusso, irriverente, controverso e istrionico Carmelo Bene

 Grazie per il video a Giuliano Maroccini


(Le immagini in questo post sono prese dal web a solo scopo illustrativo. Copyright dei rispettivi aventi diritto)


17 commenti :

  1. Quale più struggente tempo una domenica può offrire? Ricordare quello di quell'amore e di quelle vite così tormentate e alte e pure come solo l'amore e la poesia possono donare.

    RispondiElimina
  2. Ci hai regalato una vera perla cara Santa n questa domenica tutta dedicata agli acquisti di Natale..mentre io spazio tra queste righe lontano mille miglia da tutto quello che mi circonda, in un altro spazio e tempo, dove queste letture mi aiutano ad arrivare!
    Grazie!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  3. Buonasera Matilda. L'amore è così per tutti, quello fatto di passione (abbiamo un solo termine per un'infinità di amori ahimè), un tumulto. Loro ne hanno lasciato una traccia universale e senza tempo. E forse, proprio grazie a questo amore, a Sibilla, lui solitario e folle ha vissuto. Quando viviamo qualcosa pienamente, solo allora possiamo dire di aver vissuto.

    RispondiElimina
  4. Buonasera Nella. Sono felice di averti trattenuta un istante nella poesia... magari acquisteremo più poesia, più libri, più musica, più arte e se per questo serve il Natale ben venga. Intanto di auguro di arrivare dove vuoi arrivare. Un bacio anche a te.

    RispondiElimina
  5. Le parole e i versi di Dino Campana sono così belli e veri da fare male.
    Lei no: lei è presa da se stessa, dall'infatuazione, dall'innamoramento dell'amore maledetto e sofferente.
    Lei è letteratura, lui è vita.
    Ma paradossalmente lui è un grande della letteratura; lei è dimenticabile.

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Ody. Sono più che d'accordo con te. E come ho espresso, nel commento a Matilda, lui lo ha "vissuto" pienamente. Forse a lei dobbiamo dare il merito, per la loro storia, così come a Carmelo Bene, di aver regalato ad una platea più vasta i versi di un grande poeta, lui si indimenticabile.

    RispondiElimina
  7. Santa, non c'entra nulla, ma... stanotte ti ho sognata! cioè, ho sognato che una persona mi parlava di te e mi diceva che eri una "psicologa culturale". Pensa un po'! :-D

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Dino Campana e Sibilla Aleramo li amo dal tempo del liceo ... Nel 2002 andai a vedere "Un viaggio chiamato amore", la trasposizione cinematografica della loro assai travagliata storia d'amore. Dici bene "Quando viviamo qualcosa pienamente, solo allora possiamo dire di aver vissuto". Grazie davvero di questi accenti poetico/esistenziali così toccanti. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Ciao Maria, le storie d'amore ti accendono e ti dilaniano. Quando si ama i sensi dilatano, un vasto imbuto dove scivolano mondi e non si hanno mai contenitori tanto capienti per contenerli. Le storie d'amore ci rendono dei. Peccato però che siamo uomini e l'Olimpo è faticoso da scalare, c'è chi si arrampica con le unghie, a fatica e chi invece stanco torna indietro o si ferma a guardare l'altro che vorrebbe la vetta, ma la scalata in solitaria non si chiama più amore. Gli esseri umani si stancano presto e ci resta... la poesia. Un bacio

    RispondiElimina
  11. Ciao Silvia, lo dico sempre che bisogna cenare leggero... invece di sognare Dino Campana che ti detta un quaderno inedito delle sue poesie, sogni di me... è pensa un po', giorni fa ho detto: ma perché non ho studiato psicologia! Quando si dice che il pensiero viaggia...

    RispondiElimina
  12. Buon Natale.....sotto una coperta d'inverno. La stessa

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Anonimo. Buon Natale anche a te e... che fortuna ad avere la stessa coperta in un mondo dove tutto muta, anche le stagioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono piu' di quattro.......quattro e' un numero lunghissimo, brevissimo, attesissimo...e' il numero della piu' bella meraviglia che possa essere nell'esistenza sotto la stessa coperta...

      Elimina
  14. Gran bella coppia... su Dino Campana mi ricorodo una splendida canzone di Bubola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alli. Non la conosco... la cercherò. Se è splendida merita di essere ascoltata. Grazie per la segnalazione :)

      Elimina
  15. Non sono piu' di quattro le stagioni.......quattro e' un numero lunghissimo, brevissimo, attesissimo...e' il numero della piu' bella meraviglia che possa essere nell'esistenza sotto la stessa coperta...

    RispondiElimina

Torna su