domenica 28 giugno 2015

Il Poeta della domenica... Akiko Yosano

"... una stella che sussurrava sotto la tenda della notte"

Per punire
gli uomini dei loro peccati infiniti
Dio mi ha dato
questa pelle chiara
questi lunghi capelli neri.




Dopo il mio bagno
alla sorgente calda
questi vestiti
sono ruvidi alla pelle
così come il mondo


Akiko  Yosano 
(
Sakai, Osaka 7 dicembre 1878 – 29 maggio 1942)

Appoggio il mio corpo al cancello
e mi perdo in pensieri
infiniti
guardo il vento autunnale
passare sui fiori rossi.




Amore o sangue?
tutta la primavera
è in questa peonia che mi ossessiona,
scende la notte, sono sola,
sola senza una poesia.


La statua di Akiko Yosano alla stazione di Sakai (Osaka, Giappone)


Che essere umano
potrebbe punirmi?
Non è il candore del mio braccio,
che accolse la sua testa,
degno di un dio?



Da cuore a cuore
pensieri diversi - eppure
la brezza dei pini
e la stessa che sfiora
le gote dell'amica e le mie.





Nella foto in alto, scattata intorno al 1900,  Akiko Yosano, a destra, è insieme al suo amico e collega poeta Tomiko Yamakawa. Yamakawa morì di tubercolosi pochi anni dopo questo scatto. 

La foto è tratta dal libro Flowers in Salt: The Beginnings of Feminist Consciousness in Modern Japan di Sharon L. Sievers (Stanford University Press, 1983).

Il libro percorre il cambiamento dei ruoli delle donne in Giappone durante i quattro decenni successivi alla Restaurazione Meiji del 1868, un periodo di radicale cambiamento politico, sociale ed economico. Il libro si concentra sulle donne giapponesi che criticarono apertamente le posizioni conservatrici della loro società e lottarono per la conquista di diritti e il miglioramento della condizione della donna. Tra queste Akiko Yosano. Nel libro una galleria fotografica delle donne che contribuirono all'emancipazione femminile  qui 



La mia giovinezza
è presso a finire
simile a una pianura docile
che, sùbita, spiombi
nel mare



da Il Muschio e la Rugiada, 
Antologia di poesia giapponese qui
a cura di Mario Riccò e Paolo Lagazzi

da Tanka
traduzione di Elpidio Jenco qui 


Un E-book gratuito di sue tanka pubblicate da Mentesuggesostanza  qui 






Il Coro Humanité (Tokyo, Giappone) esegue Kimi Shinitamou koto nakare (Ti prego, fratello, non morire), poema di Akiko Yosano.

La celebre poesia Kimi Shinitamou koto nakare, scritta da Akiko Yosano nel 1904, fu musicata (in questa suite su musiche di Masaya Ishiwaka), e divenne inno di protesta contro la guerra. Dedicata al fratello minore, soldato nella guerra russo-giapponese, in Giappone è talmente popolare da essere la sigla di apertura dell'anime Shangri-La, il singolo è rimasto in classifica 14 settimane, vendendo oltre 20mila copie.

Il delicato e intenso testo si può leggere, nella traduzione italiana curata da  Riccardo Venturi qui, sull'interessante sito Canzoni contro la guerra qui

In Italia, negli anni '15-'20, la Yosano è una poetessa molto amata, tanto che il musicista Vincenzo Davico qui, appartenente al gruppo artistico dello scultore Raffaele Uccella, musica i versi di Akiko negli anni 1920-21 pubblicando gli spartiti sulla rivista «Sakura» diretta dal poeta dantista Harukichi Shimoi.

Oggi si possono ascoltare in un cd edito in Inghilterra e intitolato Futurlieder.

Uno straordinario omaggio alla poetessa è l'album Fallen Camellias, nato dalla stretta collaborazione tra Ramona Ponzini e i fratelli  Maurizio e Roberto Opalio. 

I versi della Yosano modulati dalla voce di Ramona Ponzini accompagnata alla chitarra da Maurizio Opalio, sue le musiche. Un viaggio musicale che si fa poesia. 


Painting petals on planet ghost il loro meraviglioso progetto qui 


Grazie per il video a clarakilledbenito님의 채널




(In apertura post il  Wisteria Tunnel a  Kytakyushu in Giappone - Foto Interational Traveller)


  • Le immagini in questo post sono presenti solo a scopo illustrativo. Copyright dei rispettivi aventi diritto che ringrazio

22 commenti :

  1. Che cosa grande, femminile e bella! Adoro la sintetica densa poesia giapponese
    Grazie
    Io non la conoscevo: cercherò il libro

    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Paolo. Puoi trovare una raccolta di sue Tanka nel sito che ho segnalato. Il Muschio e la Rugiada è un' interessante antologia di poesia giapponese, vista la tua passione.
      Grazie per aver condiviso i tuoi pensieri con me. Buona domenica :)

      Elimina
    2. Prego: il piacere di un cercare e trovare per caso fortunato

      Nell'intanto ho pescata on-line — http://mentesuggesostanza.altervista.org/elibers/e-books/capelli_neri_akiko_yosano_mss.pdf —, una cosa che porta il nome di Capelli Neri

      Capelli neri
      Intrecciati in mille ciocche
      Intrecciati i miei capelli e
      Intrecciati i miei intrecciati ricordi
      Delle nostre lunghe notte d’amore


      Amerei trovare una edizione con il testo a fronte
      Un saluto

      Elimina
    3. Leggo con piacere Paolo che hai già visitato il blog che ho segnalato nel post, ed hai già scaricato l'E-book gratuito, una bella iniziativa la loro.
      L'antologia il Muschio e la Rugiada ha il testo a fronte, avevo già segnalato qui http://lasantafuriosa.blogspot.it/2014/11/i-poeti-della-domenica-poesia-giapponese.html
      Ovviamente non ci sono solo i versi della Yosano, ma se ami la poesia giapponese, la troverai interessante. Ciao

      Elimina
    4. Un piacere Paolo e lo sarà anche ritrovarti qui. Buona settimana.

      Elimina
  2. Questo post è un vero gioiello! Per la preziosità delle poesie di Akiko Yosano, per la segnalazione dell'antologia "Il muschio e la rugiada", per lo sguardo vivo e intenso delle donne giapponesi che hanno lottato per i loro diritti, per i video davvero delicati, per il link alle canzoni contro la guerra ... Se ne avessi il potere, ti darei un premio. Intanto hai la mia stima, un abbraccio e l'augurio di una serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, il tuo commento è già "Il Premio", è meraviglioso quando una condivisione genera nell'altro "bellezza".
      Grazie per le tue intense parole e per esserci. Una serena domenica anche a te... poetica. Un bacio come l'estate :*

      Elimina
  3. Veramente una scelta superba .
    Forza e delicatezza in questi versi orientali.
    Grazie!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristiana, una donna e una poesia che vale molto ricordare. Buona settimana :*

      Elimina
  4. Che bello che citi un'antologia bellissima che ho anche io e che rabbia invece al pensiero che ho uno zio che per trent'anni di lavoro ha fatto avanti e indietro dal Giappone e mai mi ha portato a casa un libro.

    Ti lascio un pezzo di Cicada, una compositrice taiwanese, che però fa risuonare tutte quelle magiche atmosfere.

    https://www.youtube.com/watch?v=4Wu4sO0SIj0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Io mi sarei limitata a dei disegni, un libro in giapponese non avrei saputo da che parte iniziare... Lo Shodō è arte, ed è fantastico "guardare" la loro scrittura, ma un libro.... Sicuramente ti avrà portato del tè o magari un kimono ;)

      Grazie per la segnalazione, rapita, anche il video bellissimo. Una serena settimana And :*

      Elimina
    2. anche io non ci capirei una parola ma sarebbe comunque stato un bel regalo...no, non mi ha mai portato a casa un regalo, non è tanto una persona da regali.

      Elimina
    3. Allora ti auguro, se non lo hai già fatto, possa fare tu un viaggio in Giappone e godere di tutte i piaceri che vorrai ;)

      Elimina
  5. Interessante e ottima scelta.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e tre! :)))
      Mi fa piacere che la trovi interessante, ha avuto il "coraggio" nel suo periodo di parlare di passione al femminile.
      Una serena settimana :*

      Elimina
  6. Quale delicatezza, quale soavità nella ricerca dei versi e nella suite musicale che ne segue...Sembra di essere immersi in un giardino di ciliegi mentre i petali incominciano a sfiorire..
    Bellissima..
    Grazie Santa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta poesia in te Nella, e quanta forza! Un bellissimo tributo alla poesia della Yosano. Un fresco abbraccio :*

      Elimina
  7. Grandiosi e semplici allo stesso tempo sono questi versi. Bellissimi come quella pelle chiara e quei capelli neri, da far dimenticare i peccati infiniti dell'umanità. Ciao, Santa, da un'estate caldissima. Ti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Servono proprio Matilda per sopportare le ruvidezze del mondo. Come immergersi nel mare, dove spero tu riesca ad andare per goderti questa estate. Un bacio :*

      Elimina
  8. Oh, ma che meraviglia, non conoscevo nulla di tutto questo. Sei uno scrigno di tesori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello poter dispensare tesori in questo momento, mi sentirei leggera e forte come questi versi. Ma se te ho fatto uno di regalo, pensalo come ad una dedica per il tuo compleanno: un'emozione cantata. Grazie Silvia e un abbraccio :*

      Elimina

Torna su