domenica 28 giugno 2015

Il Poeta della domenica... Akiko Yosano

"... una stella che sussurrava sotto la tenda della notte"

Per punire
gli uomini dei loro peccati infiniti
Dio mi ha dato
questa pelle chiara
questi lunghi capelli neri.

giovedì 25 giugno 2015

Come domare il maremoto dei Big Data? Ci pensa il Data Scientist, lo “scienziato” più sexy del nostro secolo.



«… Ricevi una e-mail. Contiene un’offerta per un personal computer. Sembra che il venditore abbia letto nella tua mente, visto che solo poche ore prima avevi guardato dei pc sul loro sito. Mentre sei alla guida, verso il negozio per acquistare il computer, ti arriva un coupon con uno sconto per un caffè dal bar che stai per incrociare. Dice che poiché sei in zona avrai un 10% di sconto se ti fermi nei prossimi 20 minuti. Stai bevendo il tuo caffè e ricevi le scuse dal produttore di un tuo recente acquisto che ieri hai criticato sulla tua pagina Facebook. 
Appena tornato a casa ricevi una notifica per un’offerta speciale su un’ armatura, per il tuo personaggio nel tuo videogioco online preferito, è sarebbe proprio quello che ti serve per superare alcuni posti dove stai combattendo….
Sembra una follia? Sembrano cose che apparterranno ad un futuro distante? No. Tutti questi scenari sono possibili oggi!...»

Sono parole tratte dal libro Taming the big data tidal wave  di Bill Franks, Chief Analytics Officer per Teradata, membro di facoltà dell’International Institute for Analytics e blogger. qui

domenica 21 giugno 2015

Il Poeta della domenica... Katherine Mansfield


"... assoluta felicità! come se si avesse appena ingoiato un luminoso frammento di... sole"


Nella valle del Rangitaiki

Oh valle ondulata di ginestre,
incantevole, incantevole luce,
cuore del mondo, oro rosso!
Ferma tra fiori alti fino al petto,
mi colpisce come l’onda
di un magico mare dorato.

giovedì 18 giugno 2015

Sogno di una notte d’inizio estate: case sull’albero, passeggiate in fondo al lago e il giorno del solstizio d’estate.

Katy Perry  videoclip "Roar"

Quando sogno mi piace ancora farlo alla grande. Vi sarà capitato di ritornare sui luoghi dell’infanzia, e vi sarà anche capitato di constatare come una stanza, un posto che da bambini vi sembravano smisurati, da adulti vi appaiono minuscoli. Così sembra accadere con i sogni. Da piccoli si sognava con magnificenza, piano piano negli anni i sogni sono andati a rimpicciolirsi  e direi a immiserirsi, diventando gretti e soprattutto materialisti.


domenica 14 giugno 2015

Il Poeta della domenica... Edoardo Sanguineti

"se d'amore si muore, siamo morti... se d'amore si vive, siamo vivi:"


Occorre andarci cauti, con l'amore, devi saperlo: i suoi                                    

terribili eccessi producono
eccessive malizie (e una molto maligna terribilità):
                                         ma è una celebre proposizione,
che ho appreso adesso appena, quella che afferma che
                                          riescono bene, esclusivamente
se non sono indirizzate a nessuno, talune scritture:
                                   (se nascono per l'oggetto stesso):

giovedì 11 giugno 2015

Aimee Mullins & Hugh Herr. Quando non avere le gambe ti porta lontano.

Aimee Mullins in "La donna ghepardo" - Cremaster 3 di Matthew Barney 

Succedono, nel corso della nostra vita, eventi inaspettati, accadimenti stravolgenti, traumatizzanti, mutilanti. Fatti a cui non riusciamo a reagire, una perdita, un lutto, una malattia, un incidente. Se il nostro corpo riesce a produrre proteine per combattere gli elementi estranei, gli anticorpi per intenderci, la nostra mente non sempre è in grado di elaborare un piano per affrontare e superare gli episodi sconvolgenti che naturalmente incontra. Il cervello, questa meravigliosa macchina, elabora e decifra gli stimoli che arrivano dall’esterno, si connette e si disconnette col mondo. Pensa, ragiona, inganna, crede, gode e soffre in modo diverso per ciascuno di noi.

E noi spesso, più che spesso, di fronte alle avversità ci piangiamo addosso.


domenica 7 giugno 2015

Il Poeta della domenica... John Clare

"Anche quelli che meglio ho conosciuti sono ignoti, anzi, ignoti più degli altri."

Io sono
Io sono! Ma chi sa cosa? E a chi importa?
Nel ricordo degli amici scomparso.
Mi consumo fra dolori e torti;
Appaiono e scompaiono, nell’oblio disperso,
Ombre della vita, il vero spirito perso.
Eppure io sono e vivo, anche se sbattuto

Torna su